• AMBITO INTERNAZIONALE

The Glastonbury Goddess Temple
È il primo Tempio dedicato a una divinità indigena a essere aperto in Europa e ufficialmente riconosciuto da un governo occidentale da circa 2000 anni a questa parte. Dal 2013 i matrimoni in esso celebrati hanno valore legale nel Regno Unito.
Il Goddess Temple offre una scuola di formazione ufficialmente riconosciuta ed è organizzato secondo principi matristici e di partnership: non esiste una struttura piramidale, l'organizzazione è circolare e le decisioni sono prese con il metodo del consenso.

http://www.goddesstemple.co.uk
http://www.goddesstempleteachings.co.uk

Kathy Jones
http://www.kathyjones.co.uk/

Erin Mc Cauliff
Tutor al Glastonbury Goddess Temple

Katinka Soetens e la sessualità sacra
http://www.herpathoflove.com

Marion Brigantia van Eupen
https://marionvaneupen.wixsite.com/priestessing-for-you


Rete dei Goddess Temples europei e non
Manteniamo contatti, scambi e collaborazioni con altri Templi e organizzazioni:
Regno Unito
Belgio
Spagna
Olanda
Portogallo
Svezia
Repubblica Ceca
Germania
Austria
Svizzera
Ungheria
Islanda
USA
Australia

Per maggiori informazioni:
http://www.goddesstemplepriestesses.com/


Francesca Rosati Freeman
Nata a Trapani e laureata a Palermo in lingue straniere moderne. Vive da trent'anni fra la Francia e la Svizzera dove ha insegnato francese agli italiani per circa vent'anni. Per circa dieci anni ha lavorato a Ginevra per l'Antiracism Information Service, contro la discriminazione razziale, e ha partecipato attivamente alla Conferenza Internazionale contro la Discriminazione Razziale (WCAR) nel 2001 a Durban.
La lotta per i diritti delle donne è stata sempre al centro delle sue molteplici attività. Per le donne straniere in Svizzera ha organizzato dei corsi di formazione continua sui loro diritti, sulla salute, l'alimentazione e l'educazione dei figli con la collaborazione e interventi da parte di specialiste nei diversi campi. In questo quadro è da inserire il suo interesse per le donne e la società dei Moso. Si è già recata sette volte sul posto e ha organizzato dei viaggi di piccoli gruppi per quelle donne desiderose di scoprire come sia possibile una vita diversa in cui le donne sono valorizzate e gli uomini non sono oppressi. Ha intervistato, fotografato e filmato gli abitanti realizzando un piccolo documentario che è stato selezionato al Mosuo Film Festival in Cina nel 2006 e proiettato in Francia, in Svizzera e in Italia. Nel 2010 ha pubblicato il libro "Benvenuti nel paese delle donne: un viaggio straordinario alla scoperta dei Moso, una società matriarcale senza violenze né gelosie". Nel 2013 ha realizzato assieme al giornalista-reporter Pio D'Emilia il documentario "Nu Guo - Nel Nome della Madre".
http://www.francescarosatifreeman.com/


  • AMBITO NAZIONALE

Luciana Percovich
Attiva nel movimento delle donne dall'inizio degli anni Settanta (Movimento per una medicina delle donne, Libreria delle donne di via Dogana), ha tenuto numerosi corsi per la Libera Università delle Donne di Milano, diretto collane di saggistica e scritto su varie riviste occupandosi di medicina delle donne, scienza, antropologia, mitologia e spiritualità femminile. Attualmente cura la collana Le Civette/Saggi per l'Editrice Venexia. Nel 2007 esce "Oscure Madri Splendenti - Le origini del sacro e delle religioni" (Venexia, Roma) e nel 2009, sempre con lo stesso editore, "Colei che dà la vita, Colei che dà la forma".
http://www.enciclopediadelledonne.it

Rossana Mennella Esposito

Daniela Degan
Ricercatrice indipendente, economista, ha sviluppato un percorso di ricerca sui temi della decrescita economica, dell'economia alterativa e degli archetipi e miti del sacro femminile, della spiritualità della Dea Madre nel mediterraneo e in Europa, delle società gilaniche/mutuali. Facilitatrice di laboratori itineranti sul tema decrescita, Formatrice sui temi dell'economia alternativa, della decrescita, delle metodologie partecipative volte al consenso. Vive e lavora a Roma.
Tra la bibliografia essenziale e le pubblicazioni e articoli ricordiamo:
"Relazioni: quali produciamo e come le produciamo" (Carta)
"La città del dopo sviluppo" (Carta)
"Rappresentazioni delle società attraverso i simboli" (Libera università delle donne)
"Della povertà, dello sviluppo, della decrescita" (Lib Lab)
"Il linguaggio della Dea Madre" (Lib Lab)
"Quale madre, quale padre" (Lib Lab)
http://decrescitaroma.blogspot.it

Luisa Spagna
Danzatrice, artista, docente di danza e libera ricercatrice sui temi del femminile nella danza, nel simbolismo e nelle arti figurative.
Laureata in Pedagogia con una tesi in Sociologia (Università di Lecce).
Diplomanda in danzamovimentoterapia Dmt-ER®.
Iniziata al balletto fin da giovanissima, prosegue la formazione frequentando corsi professionali in stile Vaganova. Dal 1995 vive tra l'Italia e l'India, dove si è dedicata inizialmente al teatro-danza classico Odissi e alla danza tradizionale Seraikella Chhau, ricevendo la borsa di studio dell'I.C.C.R. (Indian Council for Cultural Relation). Successivamente si è interessata ad espressioni artistiche contemporanee.
I due momenti artistici confluiscono nelle sue performance in stile Etno-contemporaneo presentate in Italia e in India.
Le sue danze sono principalmente basate sui temi del femminile, alcuni dei quali ispirati ai culti shakta dell'Orissa (India): La trilogia Shakti-Matrika-Shekara, Lune, Sagar, La danza dei gesti delle cinque Dakini, Dancing Yogini, Sussistanako - la Donna Ragno, Bhubaneswari, Yogini Circles, Matrika/Rnchanting Circles, Dancing on the breath's of Yogini, In the land of Mahamya.
In Italia ha collaborato con la cattedra di Storia dell'Arte dell'India (Università del Salento) e ha presentato conferenze-spettacolo sull'India in vari istituzioni e conservatori di musica.
A New Delhi - India ha collaborato con la Lalit Kala Akademy (Accademia Nazionale d'Arte) e alcune gallerie d'arte contemporanea della capitale. Dal 2011 al 2014 i suoi spettacoli hanno ricevono il supporto dell' Istituto Italiano di Cultura a New Delhi.
Dopo un lungo periodo di ricerca in India sui culti Shakta (http://sutraartiperformative.com/publications/), rielabora in disegni le sculture delle 64 Yogini del tempio di Hirapur e scrive una guida alla lettura in forma oracolare per ogni Yogini. Nascono così le 66 carte oracolari rotonde Yogini of Hirapur Oracle (Sutra Arti Performative, 2015).
Insieme a Paolo Pacciolla, musicista ed etnomusicologo, ha fondato l'associazione culturale Sutra Arti Performative con cui presenta spettacoli originali in Italia e all'estero e con cui organizza eventi culturali.
Ha ricevuto il premio "International Women Excellence Award (IWEA) 2014" presso l'India International Centre di New Delhi.
Pubblicazioni:
64 (+2) carte oracolari rotonde con libricino guida "Yogini of Hirapur Oracle" (Sutra Arti Performative, 2015) ispirate al tempio delle 64 Yogini di Hirapur in Orissa.
"La danza segreta delle Yogini. Il tempio di Hirapur" (Venexia, 2014)
"La gioia e il potere. Musica e danza in India" (Besa Editrice, Nardò 2008) scritto insieme a Paolo Pacciolla.
http://www.sutraartiperformative.com

Nelle Marche:
Giorgia Giacomini
Elena Chandani Alesiani
Giusy Shin Aportone.


Andrea Vernucci

Tempio della Dea - Torino
Associazione di promozione sociale e centro ricerche per la partnership

Associazione Casa della Dea - province di Padova e Venezia

Associazione Il Tempio della Dea - Sardegna

Associazione Tempio della Grande Dea - Roma

Associazione Laima

Associazione Culturale Vidyanam - Vicenza

Associazione Tenda Rossa Padova


  • AMBITO LOCALE

Associazione L'Acqua che Balla - Trento

Associazione Tenda Rossa Trento

Associazione Lune sui Laghi - Levico Terme

Associazione Slow Cinema - Borgo Valsugana

Alexander Bisan
http://www.naturheilt.it/
Facebook - https://www.facebook.com/Petersberger-Leger-Alm-251348994954740/

Il cerchio di Anu - OBOD Grove

Associazione Armonia